L’autrice Pasqualina Mongillo

Pittrice e scultrice per passione, laureata in Filosofia con una tesi sul pensiero della complessità, studia e lavora come bibliotecaria presso il Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica dell’Università degli Studi di Salerno, specializzandosi in risorse digitali per l’e-learning ed archivi elettronici. Ha approfondito tematiche legate al ‘genere’, relative sia all’ambito lavorativo che a fenomeni migratori e alle pari opportunità. Ha pubblicato diversi saggi e curato alcune pubblicazioni tra cui Mobbing, un fatto come e perché, Salerno Università di Salerno 2003; Sessant’anni di diritto di voto alle donne: una conquista che continua, Salerno, Università di Salerno 2007. E’ stata vincitrice del Premio  FILEF Campania nel 1998 col saggio El tango es una cosa seria, pibe e nel 2004 col saggio Mondi in Campania. E’ caporedattore del periodico della Valle dell’Irno ‘Controcampo’. Un suo quadro ‘Maria di Vignadonica’ è stato scelto come cover per il volume a cura di Fiorenza Taricone e il CPO dell’Università di Cassino Libere tutte, liberi tutti: diritti umani e mutilazioni femminili, Cassino 2007. Il 12 dicembre 2006 i Soci dell’Accademia Pontaniana di Napoli, Carlo Sbordone e Riccardo Sersale, presentano una nota di Mongillo su Marussia che verrà pubblicata negli “Atti” (vol. LV, pp. 303-355). Un contributo di genere alla storia della scienza con una relazione su Maria Bakunin è presenta da Mongillo anche durante il VII programma Quadro di ricerca ‘Donne e Scienza’, Capo Miseno, Bacoli (NA). Il 23 febbraio 2007 nell’ambito dei Seminari di Storia della Chimica organizzati dal Dipartimento di Chimica dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza (Dir. Prof. Luigi Campanella -Prof. Franco Felice Calascibetta) tiene una presentazione in ppt. sempre su Marussia. Il 22 settembre la l’estratto di Maria Bakunin viene presentato nell’ambito del XII Convegno Nazionale di Storia e fondamenti di Chimica a Firenze, Palazzo Strozzi (19, 20, 21 e 22 settembre 2007), pubblicata negli Annali dell’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL, pp. 639-654. La biografia intellettuale di Maria Bakunin, la Signora della Chimica, è pubblicata nella Collana Scientifica dell’Ateneo salernitano per i tipi della Rubbettino nel 2008.

Come si rilegge la modernità. I modelli sociali della violenza contro le donne

Giovedì 21 maggio alle ore 11.00 si è tenuta, presso la Biblioteca del Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica dell’Università di Salerno, la presentazione del volume curato da Consuelo Corradi: I modelli sociali della violenza contro le donne. La giornata è stata coordinata dalla prof.ssa Giusy Cersosimo che ha sottolineato come dal ‘ pensiero della differenza’, così come si è caratterizzato il pensiero femminista, ci si aspetta un discorso di pace e non di violenza, ma la realtà contemporanea è afflitta, purtroppo, da realtà drammatiche come lo stupro, le molestie, le aggressioni.

ModelliSociali_tn
Visualizza in formato PDF

 

Il Direttore Prof. Vittorio Dini ha salutato i relatori affermando subito la necessità di un risarcimento della pena, della sua certezza ed immediatezza. Si incuriosisce per la copertina del volume che riporta un famoso quadro di Manet del 1862, Dejeneur sur l’herbe in cui una donna pasteggia tra i campi completamente nuda ma la qual cosa non sembra suscitare a nessuno alcun disagio.

Interviene Vitulia Ivone, giurista civilista, con una denuncia: ‘I giuristi non operano con la categoria del genere’. Un’affermazione che colora di eccentricità il Suo intervento ma anche quelli delle relazioni seguenti. Il Legislatore esprime legiferando il suo controllo. Nonostante la neutralità del diritto che non fa ‘questioni di genere’ il Legislatore esprime il suo controllo ma, non rivedendo le vecchie normazioni, spesso crea nuove norme che esprimono atti di riduzione rispetto al passato. Per il fenomeno della violenza si esigerebbe maggiore comprensione e di qui esprime la necessità di un Osservatorio di giuriste che, non da solo, possa sradicare questo dominio maschile come classe sociale.

Maria Pelizzari, storica della cultura e del genere, si pone sullo stesso piano trasversale di lettura del fenomeno ricordando che la violenza è un tema presente da sempre nella storia dell’umanità che vede le donne vittime di un sistema che le ha più volte rese schiave e silenti. Abusate dai diversi poteri, anche dai Tribunali dell’Inquisizione e dai controlli medici, accenna ad alcune ricerche ed archivi che testimoniano il clima di persecuzione che ha spesso soggiogato le donne.

L’intervento successivo riguarda un’esperienza sul territorio: il dott. Giovanni Pecoraro, ginecologo, giunto con il Primario di Ginecologia dott. Biagio Bianco della struttura ospedaliera Fucito di Mercato San Severino. La relazione riguardava alcuni casi di minori che hanno chiesto intervento medico. Già si sottolineava da parte del medico questa doppia violenza, anche da parte del tecnico che deve indagare ‘fisicamente’ in merito all’eventuale aggressione. Il controllo medico/fisico comporta un’ulteriore disagio degli operatori che interagiscono, nella propria esperienza, con altri referenti istituzionali, forze dell’ordine ed assistenti sociali.

A conferma delle difficoltà ma anche della necessità di competenze sempre più specialistiche si può intendere la relazione di Luciana Iosca, docente presso l’Istituto Suor Orsola Benincasa di Salerno ma anche responsabile di un Centro di accoglienza per donne maltrattate e minori. Oltre a rappresentare una memoria ‘storica’ delle esperienze sul campo salernitane e delle politiche di genere, la psicologa e terapeuta presenta una casistica che spesso non è coniugata con il degrado ambientale ma ‘oscuramente’ si delinea senza particolari condizioni. Testimonia la presenza di un’’analfabetismo emotivo’.

La presidente del Comitato Pari Opportunità dell’università Pasqualina Mongillo interviene in dettaglio sul volume presentato. In particolare evidenzia il complemento al titolo ‘Rileggere la violenza nella modernità’, che significa un aggiornamento della conoscenza scientifica (le spiegazioni tradizionali della violenza contro le donne -patriarcato e genere- non sono più sufficienti a spiegare da sole questo fenomeno) rispetto all’intreccio tra la violenza contro le donne e altri fenomeni della società italian. Il pregio di questo volume è proprio quello di rileggere la questione della violenza all’interno della modernità rivelando l’intreccio di almeno tre fattori: ricostruzione dell’identità in mancanza della quale sui afferma la violenza, esplicazione dei vari modelli. Il volume contiene una lettura quantitativa e qualitativa del fenomeno, con riflessioni sulle nozioni di amore e eros, la descrizione del panorama internazionale della ricerca, notizie sui servizi di aiuto alle vittime, ricerche sul campo da nord a sud. In particolare il saggio sull’amore negato raggela con la sua affermazione (realissima) della violenza come costante della storia dell’umanità ma anche come ormai strutturata nella quotidianità.

A conclusione degli interventi si inserisce Fiorenza Taricone, docente dell’Università di Cassino, oltre che presidente dell’Associazione Nazionale dei Comitati Pari Opportunità Universitari. Mostra come vi sia un ‘vuoto’ generazionale rispetto alle problematiche femminili per cui si dà per scontato tutta una seria di conquiste, di emancipazione e di liberazione delle donne. E’ in corso e va senz’altro sostenuta una ridefinizione dei concetti di mascolinità e di femminilità, anche se sembra che manchino ‘le parole per dirlo’. ‘è bisogno di un diverso paradigma, di riscrivere una storia della maternità, c’è bisogno di ‘ribelli’ contro la trappola politica caduta nello stereotipo. Tutto ciò per non diventare complici di un sistema perverso.

Consuelo Corradi sembra davvero entusiasta del dibattito che il volume da Lei curato ha sollecitato e conclude con una domanda alla quale rinvio tutti i lettori: Ma di chi è il corpo delle donne? Di chi lo abita? E …

ZYB

Anti stalking

Il decreto legge n. 11 del 23.02.1999

Antistalking e antistupro

Segnaliamo la giornata di studi dedicata alla ‘Tutela della donna: profili giuridici e sociologici’ organizzata dall’Ufficio della Consigliera di Parità della provincia di Avellino, avvocate Tiziana De Maio e Gabriella Squitieri, in collaborazione con l’Associazione Universitaria popolare tenutasi presso l’Università di Salerno martedì 21 aprile scorso.

L’incontro ha riguardato una sorta di aggiornamento sulle pari opportunità nel mondo del lavoro alla luce delle ultime normative e, in particolare, si è parlato sulla normativa di contrasto alle violenze sulle donne: il decreto legge del 23.02.09 n. 11 in via di applicazione, anzi oggi 22 aprile in vigore.

L’avvio dei lavori ha visto la dr.ssa Pasqualina Mongillo, Presidente del Comitato Pari Opportunità dell’Ateneo salernitano, accennare brevemente al decreto riguardante Misure urgenti in tema di sicurezza pubblica per contrastare molestie sessuali e atti persecutori. In realtà la tutela della donna riguarda molti aspetti: la famiglia, il lavoro, la persona, significa difesa e garanzia di un soggetto a rischio, più volte discriminato e per la quale si chiede parità in una società impari, per il ritardo secolare di acquisizione di diritti, nonostante le grandi conquiste ottenute dalle donne; ma in questo frangente la realtà quotidiana sembra sempre più movimentata da un rigurgito di violenza contro le donne e da  più parti si propongono strumenti adatti ad arginare questo fenomeno.

I Comitati Pari Opportunità voluti dalla L. n. 125 del 91 e art. 57 del Dlgs. 165/2001 il compito, tra l’altro, di individuare e contrastare le discriminazioni, in qualche modo di riequilibrare una situazione proponendo e avviando azione positive. Il suo compito principale è infatti quello di diffondere una cultura di parità e di non discriminazione. Oltre che alla formazione e alla cultura di pari opportunità  il comitato ha sostenuto, con le OO.SS. l’avvio dell’asilo nido, la consulenza ginecologica nel centro medico di ateneo, etc.. In tema di tutela, non si può partire dall’ultimo grado, la sicurezza contro le aggressioni, bisognerà intervenire da lle origini,dalla famiglia, dalla scuola, dalla società. Nel Piano triennale di Azioni Positive 2007-2009 del MISE vi è una sezione dedicata proprio alla Tutela della dignità dei lavoratori e delle lavoratrici, questo è un obiettivo del Comitato: predisporre un Codice etico, individuare un team di referenti interni sulle tematiche del mobbing, sulle discriminazioni, sulle violenze morali e sessuali, la diffusione di un codice etico, controllo e vigilanza dei luoghi più inquietanti come i parcheggi multipiano. E’ nella formazione e nella prevenzione, più che nella repressione, la risposta per contrastare la violenza sessuale e gli atti persecutori.

L’intervento della Consigliera di Parità della Provincia di Avellino, dr.ssa Domenica Marianna Lo mazzo, ha sottolineato l’importanza di garantire uguaglianza e non discriminazione nel diritto e nei fatti. Ha tracciato un panorama della normativa vigente in tema di pari opportunità, includendo le numerose Direttive Europee, fino a parlare del Codice delle Pari Opportunità della l. 198/2006. Ha illustrato l’impegno delle rete delle consigliere di parità che svolgono un lavoro continuo di perenne sorveglianza, controllo e sviluppo sulla legislazione nazionale.

Le relazioni del prof. Elio LoMonte e del dott. Gaspare Dalia hanno descritto nei dettagli la normativa in materia di atti violenti e presentato il decreto come una risposta legislativa dettata dall’emergenza. Tale inasprimento è dovuto al fatto che il fenomeno dello stalking (aggressioni, persecuzioni, molestie sessuali, stupro…) è in aumento e il Legislatore cerca di correre ai ripari. In realtà, oltre a sottolineare gli aspetti positivi e dissuasivi come l’ammonimento, il divieto di avvicinamento (?) il decreto appare come una ripetizione delle già numerose 25 fattispecie di reato! La norma predisposta quindi sembra non convincere neanche i più esperti.

La sociologa prof.ssa Giusy Cersosimo ha evidenziato la stretta relazione tra società e diritto, tra norme giuridiche e norme sociali. Sottolineando la necessità di non ricadere in schemi monosessuati, ha presentato la nostra realtà composta da ‘solitudini collettive’ dando una forte suggestione dell’esistenza contemporanea, del disagio delle donne di vivere il pubblico e della loro segregazione nel privato. Con le sue parole fa una strenua difesa del diritto restituivo e non di quello repressivo. Propone una educazione ai sentimenti, alle diversità che vada avviata sin da piccoli. Per Lei il concetto di sicurezza non può coniugarsi con quello di libertà, perché l’una è dipendenza e l’altra è autonomia.

L’intervento del Capitano dr. Enrico Calandro comandante della compagnia dei carabinieri di Salerno ha riguardato una descrizione dei Protocolli di intesa tra il Ministero della Difesa e il Ministero delle Pari Opportunità, soffermandosi su alcuni dettagli come gli strumenti e le modalità di intervento sul territorio, sulla formazione di una sezione di carabinieri finalizzata proprio allo scopo di accoglienza e acquisizioni di prove nei casi di denuncia di reati di stalking.

Mondi Femminili in 100 anni di Sindacato

Continuano, con la presentazione del volume a cura di Gloria Chianese Mondi femminili in cento anni di sindacato ediesse 2008,  gli appuntamenti promossi dagli organismi di parità all’interno dell’ateneo salernitano. L’annata 2008 dedicata al cinema e alle registe, l’ultimo appuntamento quello del passaggio della staffetta avvenuto il 19 marzo scorso.

La prof.ssa Marisa Pelizzari, titolare della Cattedra di Storia contemporanea, ha voluto che la presentazione di questo importante volume avvenisse all’interno delle attività del comitato pari opportunità ed ha affisato il coordinamento della giornata alla presidente Pasqualina Mongillo.

Marisa Pelizzari, studiosa di storia sociale e culturale, di storia urbana, componente del Direttivo Nazionale della Società Italiana delle Storiche, autrice, tra le altre numerose pubblicazioni, del volume Le donne e la storia, studiosa di associazionismo femminile, è impegnata commissaria di parità. La docente, insieme alla Delegata del Rettore alle P.O. prof.ssa Maria Teresa Chialant, ordinaria di letteratura inglese figura istituzionale, a Pasqualina Mongillo, ed al folto gruppo di studiose e studiosi come Vitulia Ivone, Giusy Cersosimo, Giovanna Truda, Maria Antonietta Selvaggio, Maria Rosaria Garofalo responsabile dei cosri Donne, politica Istituzioni, etc. Vitulia Ivone, Federico Sanguineti, mantegono vivo l’interesse e la sensibilità per le questioni di genere.

Dice Pasqualina Mongillo: “Marisa ha visto giusto: scusate, ma quale gruppo, quale organismo poteva essere più adatto a tenere in grembo, all’interno del campus, questo volume dedicato all’esperienza lavorativa delle donne e al sindacato? Proprio un comitato pari opportunità d’ateneo, composto, come si sa, proprio da delegate dall’interno dei sindacati a tutela dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici: CGIL, CISL, UIL, CISAPUNI”.

Gloria Chianese, famosa studiosa non si cimenta per la prima volta su questi temi: nota proprio per la ricostruzione delle lotte operaie e sindacali, per la descrizione diella politica e cultura napoletana e in gemere del mezzogiorno. Autrice, tra le altre numerose pubblicazioni, di una Storia sociale della donna in Italia presenta oggi un cofanetto in due volumi dedicato ai cento anni del sindacato in Italia. Con questa opera è risultata vincitrice del Premio Gisa Giani a Terni presentato da Enrico Pugliese.

Il lavoro presenta le due facce della stessa medaglia: da un lato un momento di emancipazione, di autonomia e di libertà, dall’altro luogo di sfruttamento e discriminazione specie per i soggetti deboli come le donne. Lavoro, cartina al tornasole attraverso cui leggere la complessità dell’universo femminile. Sindacato, luogo, nonostante tutto ed ancora, luogo non ancora esente da logiche e comportamenti maschilisti.

La ricerca approfondisce il piano storico e il piano legislativo, politico sociale, attraverso la storia tra stato liberale, fascismo e repubblica, dalla questione della parità a quella della differenza di genere. Affronta ed analizza i rapporti tra sindacato culture politiche e tradizioni femministe. Racconta le realtà delle donne lavoratrici: tabacchine mondine, tessili, filandere, immigrate, modiste, impiegate, insegnanti per non disperdere la loro memoria. Con una succulenta bibliografia completa il lavoro con percorsi archivistici e iconografici, etc.

Un lavoro fondante, senza volerlo né saperlo, l’esperienza di Ornella Trotta, giornalista, docente, presidente del CPO del Comune di Campagna, responsabile di Piani sociali di zona, direttore responsabile del periodico on line I fatti.eu, che presenta il video documentario proprio sull’esperienza delle mondine di Campagna (SA). A conferma che il pensiero e le azioni delle donne sono guidate da un sentire comune, da un pensiero sul nostro tempo che fa sì che l’impegno di studi e di ricerche dell’una siano necessarie e fondanti l’esperienza e la pratica dell’altra e tutte insieme siano funzionali alla costruzione di un universo femminile, così proprio come voleva e diceva Virginia Wolf.

ZYB

– Mondi Femminili –
(clicca per visualizzare la presentazione)

Curriculum studiorum

ISTRUZIONE

1977 Diploma di maturità classica, conseguito il 26.07 presso il Liceo Classico “De Sanctis” (SA) (48/60). Conoscenza delle lingue straniere francese ed inglese, conoscenza delle lingue antiche latino e greco.

1978 Diploma di maturità magistrale, conseguito il 31.07 presso l’Istituto Magistrale “Regina Margherita” (SA) (50/60).

1982 Abilitazione all’insegnamento nelle scuole elementari con concorso magistrale 1982/83 O.M. 269 del 3.09 (72.50).

1995 Laurea in Filosofia (ante DM 509/99) conseguita il 17.05 presso l’Università degli Studi di Salerno (110/110), con una tesi su “Il pensiero della complessità”. Il piano di studio ha previsto la biennalizzazione, oltre che degli esami di Filosofia Teoretica e di Filosofia Morale, anche quella di Estetica (31/30), ed esami in Storia dell’arte moderna e contemporanea, Critica dell’arte, Storia della musica, Storia dell’arte e dello spettacolo, Storia del teatro, Filosofia del linguaggio etc.

2002 Agente dello sviluppo locale e dell’integrazione europea, Corso di formazione post lauream, Università degli Studi di Salerno, sett./dic. con votazione 98/100.

Formazione ed esperienze lavorative in ambito bibliotecario

1984 Settembre. Assunzione presso l’Università degli Studi di Salerno come agente amministrativo.

1985 Sin dal 1985 si occupa della gestione della Biblioteca del Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica dell’Università degli Studi di  Salerno, organizzando cataloghi digitali e risorse Open Access di letteratura accademica e letteratura grigia. Ha maturato un’esperienza professionale pluriennale attraverso l’archiviazione, la cura, la catalogazione e la soggettazione del materiale documentario acquisito presso la Biblioteca del Dipartimento (14.000 volumi, 92 abbonamenti a riviste italiane e straniere). su diversi sistemi operativi (MacOs, MSDos – File MakerPro, Sinbib, Aleph) e supporti (cartacei, microriproduzioni ed elettronici). Offre servizi di prestito interno, di ILL e DD in contatto con biblioteche nazionali ed internazionali. Si occupa di biblioteconomia e fornisce servizi di ricerca bibliografica all’utenza studentesca ed accademica interna ed esterna.

1989 Ha partecipato all’Istruzione del personale per l’immissione di dati nella rete S.B. CIDIP del 26 settembre.

1992 è stata inquadrata ai sensi della legge 21.2.1989 n. 63 , D.R. n. 652 del 19 febbraio nella qualifica di bibliotecario (VI) presso l’Università degli Studi di Salerno.

1992 è iscritta all’AIB dal 1992.

1993 Ha conseguito l’idoneità al corso di aggiornamento “Biblioteche e sistemi informativi”  (7 giugno);

1993 Ha partecipato, per conto e nell’interesse del Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica, al Corso di formazione Modulo B/ Indicizzazione per soggetto (Caffo – Prossomariti, Biblionova, Roma, 1-2-3 marzo).

1993/94 Ha partecipato ai Progetti finalizzati del Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica, Università degli Studi di Salerno.

1996 – Ha espletato l’incarico speciale della produzione di FilePolitico, archivio informatico realizzato dal Centro Studi di Filosofia Politica dell’Università degli Studi di Salerno con la casa Editrice Leo Olschki, Firenze.

1998 Ha partecipato al corso riservato all’area bibliotecaria (art. 3 CCNL) (13 ottobre).

1999 Ha partecipato alla giornata organizzata dal C.S.A.B. (SA) su Linee guida per la valutazione delle biblioteche universitarie (26 marzo).

1999 Ha ottenuto l’idoneità al concorso pubblico, per esami, indetto dall’Università degli Studi di Salerno, a n. 1 posto di Collaboratore di biblioteca (VII qualifica) dell’area funzionale delle biblioteche classificandosi al 3° posto nella graduatoria finale (G.U. n. 6-4^Serie Speciale del 22.01.99) con 49/50,

1999 – E’ risultata idonea al concorso pubblico, per esami, indetto dall’Università degli Studi di Salerno, a n. 1 posto di Funzionario di biblioteca (VIII qualifica) dell’Area funzionale delle biblioteche classificandosi al 1° posto nella graduatoria finale (G.U. n. 6 – 4^serie Speciale del 22.01.99) con 50/50 (ex aequo).

2001 – Ha prestato lodevole servizio presso l’Università degli Studi di Salerno (Dip. Sociologia e Scienza della Politica).

2002 Ha provveduto all’organizzazione e produzione del catalogo digitale della Biblioteca Trabucchi del Dipartimento dei rapporti civili ed economici dell’Università di Salerno.

2002 Ha partecipato al Progetto Schola, I Modulo Iniziativa “Orientare gli orientatori”. Attività di formazione del personale addetto all’orientamento Programma MIUR Corso “Orientamento e tutorato nell’Università che cambia” (prof. M. Grimaldi), organizzato dal CAOT, Università degli Studi di Salerno,

2003 Ha partecipato al Progetto Schola, II Modulo Iniziativa “Orientare gli orientatori”. Attività di formazione del personale addetto all’orientamento Programma MIUR Corso “Orientamento e tutorato nell’Università che cambia” (prof. M. Grimaldi), organizzato dal CAOT, Università degli Studi di Salerno, luglio/settembre.

2004 – Ha partecipato al III Ciclo dei Corsi “Formazione del personale addetto all’orientamento” (24 ore) settembre/ottobre.

2004 – Ha partecipato al workshop “Training: la piattaforma di ricerca Proquest – Chadwick/Healey, Fisciano, 7 ottobre.

2004 – Ha partecipato per conto del Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica al corso on line “Reference on line” (settembre /ottobre) organizzato da Pantarei – Milano.

2006 – Ha partecipato al Primo Corso di formazione Referenti Web di Ateneo (XHTML 1.1. – CSS- CMS UniSA) (Prof. M. De Santo) superando con esito positivo il test finale (25.01.06)

2006 – 6 luglio. Ha partecipato alla sessione di training ‘Le piattaforme di ricerca Ovid e Silver-Platter, presso il CSAB (dott.ssa G. Ortiz-Tejonero e dott. E. Pardini.

2007 – 7 marzo. Ha partecipato alla giornata di training finalizzata a promuovere l’accesso alla letteratura accademica Open Access organizzata dal CSAB (A. Landi) condotta dalla dott.ssa Benedetta Aloisi (Università di Messina, segretario CIBER e dal dott. Nunzio Femmine).

2007 –  Nell’ultimo semestre ha svolto l’incarico per l’attività di selezione, organizzazione ed archivio di fonti documentarie, letteratura grigia e risorse digitali per il progetto e-learning “Federica” organizzato dal Centro di Ateneo per i Servizi Informativi dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, secondo la normativa FSE (bando n. 52 del 29.10.2007, prestazione rif. N. 23) ed autorizzato all’Ateneo salernitano.

2007 – Ha avviato l’immissione dei dati bibliografici secondo il software del Centro Servizi Ateneo Biblioteche (Aleph).

2008 – 10-11 marzo Ha partecipato al seminario su “Il nuovo Soggettario” presso CSAB (dott.ssa P. De Martino).

2008 – marzo. Per conto e nell’interesse del Dipartimento ha istruito un contrattista per il funzionamento del software per la biblioteca di dipartimento.

2008 – 7 maggio – Ha seguito l’aggiornamento alla versione 18.0 dell’Aleph 500 per la funzione del prestito (dott.ssa P. De Martino).

2008 – Ha superato il Primo Modulo organizzato dall’Università degli Salerno per la Progressione orizzontale (votazione ‘ottimo’).

2008 – Ha superato il Secondo Modulo organizzato dall’Università degli Salerno per la Progressione orizzontale (votazione ‘buono’).

2008 – 9 settembre. Attestato di lodevole servizio (prot. N. 447/DSSP) del Direttoee del Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica Prof. Vittorio DINI.

Esperienze culturali

1994–2004 – Collaborazione con la redazione di “Controcampo. Periodico dalla Valle dell’Irno” (dir. P. Romano )

20042008 – Capo Redattore ‘Controcampo. Periodico della Valle dell’Irno (dir. G. Ricciardi)-

1995–2007 – Collaborazione a diverse pubblicazioni di docenti afferenti al Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica, Università degli Studi di Salerno.

1998 Vincitrice della 1ª edizione del Premio “Carlo Levi” 1997/’98 (Sezione Ricerca), indetto dalla FILEF-Campania.per la pubblicazione del saggio “El Tango es una cosa seria”, proposta metodologica, in Racconti, storie e ricerche dell’emigrazione campana, a cura di F. Calvanese, Salerno, Gutenberg.

2002 – Ha organizzato la giornata di studi su “Mobbing, un fatto come e quando”, organizzata dallo SNUR-CGIL, Università degli Studi di Salerno.

2003 Curatela del volume Mobbing, un fatto come e quando, Atti della giornata di studi organizzata dallo SNUR-CGIL Centro Ascolto Mobbing, Università degli Studi di Salerno,

2003 – Ha pubblicato il saggio “8 marzo e mobbing: un’ideazione”, pp. 11-21.

2003 Ha partecipato al Corso “Formazione dei rapporti di base” CGIL Campania presso l’Istituto Superiore per la formazione (dott. A. Braga) 2 edizione 2 modulo, Vico Equense, 23 – 24 gennaio.

2003 Pubblicazione La lezione di Carlo in, Per non dimentiCarlo, Atti della giornata a cura dello SNUR/CGIL Salerno, Gutenberg, maggio, pp. 87-89.

2004 – Ha organizzato l’incontro-dibattito su “D.lgs. n. 276, lavori e flessibilità: contrattazione, rappresentanza”, Università degli Studi di Salerno, Aula dei Consigli, 27 febbraio 2004.

2004 – Ha organizzato l’incontro-dibattito su “I fatti di Melfi”, Università degli Studi di Salerno, Spazi ex Bar Giallo, 4 maggio.

2004 – Ha collaborato all’organizzazione della mostra documentaria e dell’incontro dibattito su “Resistenza e memoria” del Dipartimento di Teoria e storia delle Istituzioni, Università degli Studi di Salerno, CGIL, ANPI, Comune di Salerno, Associazioni studentesche, Università degli Studi di Salerno, spazi ex Bar Giallo, 17-21 maggio.

2004 Vincitrice della 2ª edizione del Premio “Carlo Levi” 2004 (Sezione Ricerca), indetto dalla FILEF-Campania.per la pubblicazione del saggio “Mondi in Campania”, Filef, Salerno, 2005.

2004 – Partecipa al Progetto MIUR Interuniversitario “Migrazioni e prostituzione in Campania”, Anno 2004 Settori SPS/09 e SECS/P/06, con un saggio in corso di pubblicazione.

2005 – Collabora con la Cattedra di Sociologia delle migrazioni (prof. F. Calvanese)

2005 – Ha collaborato alla pubblicazione e alla bibliografia del volume L’arte del vivere sano. Il Regimen Sanitatis Salernitanum e l’età moderna di Paola Capone. – Guerini Associati.

2006 – Curatela della giornata e degli Atti de “60 Anni di diritto di voto alle donne”, Fisciano, Università degli Studi di Salerno, 2006, con la pubblicazione del saggio Pari opportunità: dal suffragismo alla cittadinanza attiva, Fisciano, Università degli Studi di Salerno, pp. 17-28.

200612 dicembre. I Soci dell’Accademia Pontaniana Carlo Sbordone e Riccardo Sersale, Napoli, hanno presentato una Nota della dottoressa Pasqualina Mongillo “Marussia”, un estratto della biografia intellettuale di Maria Bakunin, pubblicata in “Atti dell’Accademia Pontaniana”, Napoli, Giannini Editore,  vol. LV, pp. 303-355.

2007 – 26 gennaio. Ha partecipato al Convegno “VII Programma Quadro di ricerca: Donne e Scienza” con una relazione su Marussia, un contributo di genere alla storia della scienza, Capo Miseno, Bacoli (NA).

2007. 23 febbraio. Nell’ambito del Corso di Seminari di Storia della CHimica, organizzati dal Dipartimento di Chimica dell’Università degli Studi Roma “La Sapienza”, Direttore prof. Luigi Campanella, ha tenuto, in ppt., una relazione su “Marussia: un contributo di genere alla storia della chimica”.

2007 – 22 settembre. La Comunicazione ‘Maria Bakunin’ presentata al XII Convegno nazionale di Storia e fondamenti della Chimica, Firenze, Palazzo Strozzi, 19-20-21 e 22 settembre. Sezione: Scienza al femminile, è stata pubblicata negli Atti del XII Convegno Nazionale di Storia e fondamenti della chimica”, a cura di F. Calascibetta e L. Cerruti, Firenze, Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL, 2007, pp. 639-654.

2008 – settembre. Il volume “Marussia: una donna nella storia della chimica” con l’introduzione del prof. Vittorio Dini, è pubblicato per i tipi della Rubbettino, Cosenza, nella collana dell’Ateneo salernitano.

2009 –   Il volume “Marussia: una donna nella storia della chimica” risulta vincitore del  Premio Il Saggio di Eboli Sezione Saggistica non pubblicata.

2009 –   Il volume “Marussia: una donna nella storia della chimica” risulta vincitore del I Premio Il Paese delle Donne Sezione Saggistica, Roma, Casa Internazionale delle donne.

Esperienze professionali come consulente di parità

1999 E’ stata nominata componente del Comitato Pari Opportunità dell’Università degli Studi di Salerno.

2000 Ha partecipato, nell’ambito del IV Programma di Azione, Dipartimento Pari Opportunità al Forum “Lavorare e vivere con pari opportunità” sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, Commissione Europea Dir. Gen. Per l’occupazione e gli affari sociali in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero del lavoro e della Previdenza sociale, Napoli, Mostra d’Oltremare 28-29 gennaio.

2001 È stata nominata consulente di parità, Corso di formazione Napoli, Istituto Suor Orsola Benincasa, gennaio/aprile (n. 150 ore).

2001 Ha partecipato per conto del C.P.O. di Salerno a “Manifesta il tuo futuro”, Campus di Fisciano, 2-3 giugno.

2002 – E’ stata relatrice come consulente di parità presso l’Auditorium Biblioteca del Comune di Montoro Inferiore (AV) dell’incontro “Pace e solidarietà”, 18.10.

2003 – Cura la pagina web del C.P.O. dell’Università degli Studi di Salerno.

2003 Ha partecipato al V Convegno Nazionale Comitati Pari Opportunità delle Università italiane, Sassari, 22-23-24 ottobre formandosi in Piani di Azioni positive

2004 – Ha collaborato all’organizzazione dell’incontro-dibattito su “Un figlio nasce da una donna se lei sceglie”, Università degli Studi di Salerno, Aula 8 Facoltà di Lettere e Filosofia, 8 marzo 2004.

2004 – Ha partecipato al I corso I Ciclo “Donne, politica e istituzioni”, organizzato dalla Università degli Studi di Salerno, Facoltà di Scienze Politiche, Ministero delle Pari Opportunità, Scuola di specializzazione pubblica amministrazione (ottobre/gennaio).

2006 – Marzo .E’ stata nominata dal Rettore dell’Università degli Studi di Salerno rappresentante unico del Personale Tecnico Amministrativo della Commissione Pari Opportunità.

2006 – Ha partecipato al  VII Congresso dei Comitati Pari Opportunità Universitari “Pari Opportunità come crescita culturale,una strategia per le università” Siena, 5,6,7 ottobre

2006 – 22 novembre, Università degli Studi di Salerno. Ha organizzato e coordinato la giornata dei  “60 anni di diritto di voto alle donne: una conquista che continua” con la Delegata P.O. M.T. Chialant e M. Pelizzari e la presenza, tra gli altri, della Presidente Nazionale prof.ssa Fiorenza Taricone

2006 – E’ stata nominata componente della Commissione Pari Opportunità nel Comune di Fisciano.

2007 febbraio Ha partecipato al Congresso “Che generi di Saperi?” tenutosi a Napoli, Università “Federico II”.

2007 – Ha organizzato la Giornata dell’8 marzo con la Presentazione del Piano di Azioni Positive per il 2007: Anno Europeo dei diritti e delle pari opportunità per tutti, Università degli Studi di Salerno.

2007 – Ha organizzato, nell’ambito del Programma Regionale “Donne di marzo” della CPO Università di Salerno la giornata del 30 marzo presso la Provincia di Salerno: Corpi linguaggi, rapresentazioni. In particolare ha organizzato la seconda sessione dedicato a ‘Corpi d’artista’, con la produzione di un CD in ppt.

2007 22 ottobre. Il suo dipinto ‘Maria di Vignadonica’ diventa cover del volume a cura di Fiorenza Taricone, Libere tutte, liberi tutti: diritti umani e mutilazioni femminili, Cassino, Comitato Pari Opportunità dell’Università degli Studi di Cassino.